multicolored concrete stairs

Come la psicologia del colore può influenzare il tuo marchio

La psicologia del colore si occupa di analizzare come i colori influenzano le percezioni e il comportamento delle persone. Quando si tratta di marketing e branding, la psicologia del colore riguarda il modo in cui i colori influenzano le percezioni dei consumatori. Una domanda da farsi è: i colori impattano sull’acquisto? La risposta è sì. Ad esempio il rosso, scelto tra i tanti da Coca-cola, è un colore dinamico, generalmente associato a entusiasmo, energia e passione.

Il blu è il colore preferito dalla maggior parte dei brand e non a caso dalle piattaforme social perché pare dia dipendenza. Sicuramente è un colore che trasmette calma e sicurezza.

Il giallo è sinonimo da sempre di positività perché ci ricorda il sole che con la sua luminosità ci fa sentire meglio. Questo colore rappresenta la speranza e l’ottimismo.

Marchi che utilizzano il colore giallo? Snapchat e Post-it tanto per citarne un paio.

Stabilità, naturalezza, freschezza, prosperità e crescita sono tutti associati al verde.

L’arancione, invece, ci trasmette vitalità e cordialità. 

Il bianco è purezza, pulizia, essenzialità, una combinazione vincente per i marchi che cercano di trasmettere questi elementi.

Il nero simboleggia il potere, l’eleganza, la modernità pur essendo anche provocante. È spesso associato ai prodotti di lusso e alla moda.

Il primo passo nella scelta dei colori per il proprio marchio è definire l’identità di brand. Devi conoscere il tuo marchio, i tuoi obiettivi, chi è il tuo cliente ideale e di cosa ha bisogno. Una volta scelto il colore più rappresentativo è importante selezionare quelli che si possono abbinare per comunicare ancora meglio lo spirito del brand. Anche se si tratta di marketing bisogna ricordare che i colori vanno di pari passo con le emozioni, in quanto ogni sfumatura suscita sentimenti diversi. Per questo un colore è in grado influenzare il modo in cui un cliente percepisce un marchio.

Leave a Reply