red and white love wall decor

Che cos’è un tag sui social media

Tutti i non nativi digitali si sono chiesti almeno una volta cosa significa taggare.

Taggare deriva da tag, l’etichetta virtuale. I tag consentono agli utenti dei social media di coinvolgere un individuo, un’azienda o qualsiasi entità con un profilo social quando li menzionano in un post o in un commento. In Facebook e Instagram, il tag notifica al destinatario la menzione e mostra a tutti i collegamenti ipertestuali al profilo taggato.

Su Twitter si può sempre taggare altri utenti ma anche inserire un hashtag pertinente o twittare su di loro, a seconda dell’obiettivo. L’uso dei tag è importante per un coinvolgimento efficace con gli utenti dei social media.

Quando bisogna taggare qualcuno?

Taggare è coinvolgere le persone e farle convogliare in un post online. Questo tag può includere amici, oppure luoghi, o persone famose, pagine dedicate e altri del settore. Ad esempio, taggare un influencer in un post o in un commento per coinvolgerlo può essere un espediente per attirare l’attenzione ma si rischia anche lo spam. Se invece per lavoro vengono taggati dei singoli clienti questo è un modo per coinvolgere e dimostrare la natura personale del tuo marchio. Può anche essere una tattica utile per aumentare le visualizzazioni e i like.

Taggare è sempre più diffuso specialmente su Instagram e Twitter ma alcuni si sforzano di farlo anche su Linkedin.

Tenere traccia dei tag è necessario?

L’altro lato del taggare riguarda la tua azienda o il tuo marchio che viene menzionato da qualcuno sui social media. Monitorare attentamente i social media per coinvolgere gli utenti che ti taggano è una parte importante della strategia dei social media di un’azienda. I tag possono contenere lodi dei clienti o menzioni positive, ma sono anche un modo per i clienti insoddisfatti di esprimere le proprie lamentele in uno spazio pubblico. Rispondere al feedback negativo può aiutare a rimediare alla situazione e mostrare agli altri utenti che ascolti i clienti.  

Leave a Reply